1 de novembro de 2019

Atterrata stamattina a Fiumicino da Beirut. Individuata dall’Associazione Papa Giovanni XXIII nel campo di Tel Abbas, sarà accolta dalla Tavola Valdese e dalla Comunità di sant’Egidio

Mamma, papà e sette figli di cui cinque minori. Sono i membri della famiglia siriana di nove persone arrivata stamattina all’aeroporto di Fiumicino, grazie a una “nuova puntata” dei corridoi umanitari dal Libano, il modello di accoglienza realizzato dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei) e dalla Comunità di Sant’Egidio, in collaborazione con la Tavola valdese. Nelle stesse ore in cui altri 47 profughi attendevano – dopo privazioni e violenze tra Sahara e Libia – di mettere piede a terra dopo 17 giorni in mare, un altro gruppo – fuggito dalla guerra in Siria – è arrivato in tutta sicurezza grazie agli accordi sottoscritti con Viminale e Farnesina.

La famiglia proviene dal campo profughi di Tel Abbas, a pochi chilometri dal confine con la Siria. Sono stati segnalati come casi particolarmente vulnerabili dai volontari in loco dell’Operazione Colomba, che lavora sul campo su mandato dell’Associazione Papa Giovanni XXIII. Con loro anche una ragazza sola, appena diciottenne. In tutto dieci persone Dopo aver presentato regolare richiesta d’asilo, nove di queste persone saranno accolte dalla Fcei e ospitate dalle strutture della Diaconia Valdese a Torino. L’altra ragazza sarà presa in carico dalla Comunità di Sant’Egidio. Roaa, questo il suo nome, era fuggita da Hama Ha dovuto aspettare di compiere 18 anni per poter partire e raggiungere la struttura a marmore, paese nel ternano vicino alle omonime cascate, dove si realizzerà il ricongiungimento col fratello, già arrivato nei mesi scorsi il fratello, sempre grazie ai corridoi umanitari. I due hanno perso i genitori. Dopo il disbrigo delle pratiche burocratiche, Roaa è partita con i volontari di Sant’Egidio, mentre la numerosa famiglia è salita su un van per prendere, accompagnata, da un mediatore culturale, la via del capoluogo piemontese.

A fine marzo si realizzerà il prossimo corridoio umanitario, con altre famiglie provenienti dai campi profughi libanesi. In totale, dal febbraio 2016, sono più di 1500 le persone arrivate in Italia, 2200 in Europa, in modo legale e sicuro, grazie al modello inventato, gestiti e promossi da Fcei, Tavola Valdese e Sant’Egidio. I corridoi umanitari sono regolati da un Protocollo d’intesa sottoscritto dalle tre realtà cristiane con il ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie e dal ministero dell’Interno – Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione. Il primo Protocollo è stato firmato il 15 dicembre 2015. Valutata la sostenibilità del progetto ecumenico, che in meno di due anni ha accolto un migliaio di profughi, il 7 novembre 2017 ne è stato firmato un altro analogo per il biennio 2018/19 per altri 1.000 profughi.

Lo stesso meccanismo è stato adottato dalla Conferenza Episcopale Italiana che attraverso la Caritas Italiana e la Comunità di Sant’Egidio gestisce un altro corridoio con base in Etiopia, per dare una possibilità sicura di fuga ai profuhi da Somalia, Eritrea, Sud Sudan.

Fonte: avvenire.it