A- A A+

Danimarca: dati allarmanti sull’integrazione delle donne immigrate nel mercato del lavoro

Donne immigrate da Paesi non occidentali ricevono da anni assistenza dal welfare statale, senza migliorare la propria condizione.

In Danimarca il 25% dei destinatari degli aiuti statali è costituito da donne immigrate da Paesi non occidentali che li ricevono praticamente da lungo tempo, il che costituisce segnale evidente che il “sistema ha fallito”, denuncia il ministro del Lavoro danese Mette Frederiksen. Circa 24.000 persone hanno ricevuto aiuti in contanti dallo Stato per oltre 10 anni nel corso degli ultimi 15 anni e quasi 6.000 di queste sono donne immigrate da Paesi non occidentali, le quali rappresentano il 3,4% della popolazione danese tra i 16 e i 64 anni.
Molti politici e ricercatori ritengono che questi dati siano indice di un grave fallimento del sistema di welfare danese. “Il sistema degli aiuti statali dovrebbe fornire un’assistenza temporanea e non una politica di sostegno permanente”, spiega Jon Kvist, professore di scienze politiche alla University of Southern Denmark. “Pertanto è facile dedurne il fallimento del sistema che sembra fornire più un salario o una pensione anticipata che non un’assistenza di welfare”. Risulta anche evidente che il mercato del lavoro e le politiche di impiego hanno fallito nel fornire un’alternativa valida e nell’integrazione delle donne immigrate, tanto che sembra necessaria una riforma nel sistema di integrazione.
Il ministro Mette Frederiksen ha riconosciuto il fallimento del sistema, sottolineando che non è mai stata intenzione del Governo permettere alle famiglie immigrate di ricevere benefici in contanti per anni facendone la principale fonte di reddito. “Ciò costituisce un serio problema soprattutto per le donne immigrate”, ha continuato il ministro. “Quando migliaia di loro non sono riuscite a raggiungere l’autosufficienza economica, significa che ci sono delle gravi disparità di genere. Nelle prossime negoziazioni per riformare il sistema ci accerteremo che questa situazione non si prolunghi oltre”.
Non mancano, tuttavia, difficoltà di altro tipo, come ad esempio le barriere linguistiche che scoraggiano enormemente le donne e impediscono di trovare una posizione nel mercato del lavoro.
(Samantha Falciatori)

Fonte: http://immigrazioneoggi.it/daily_news/notizia.php?id=005129 19.03.2013

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Women Immigrants Face Higher Hurdles to College Success

COMPARTILHE

Lourdes Alarcón is what higher-education experts call a “non-traditional student.” In other words, she isn’t a young person who went straight to college after high school. Originally from Bolivia, she is a thirty-something mom raising two kids...

Leia mais...

Some 16,000 refugees seek shelter in Cameroon following clashes in north-east Nigeria

COMPARTILHE

 The UN refugee agency reported on Tuesday that some 16,000 Nigerian refugees fled to Cameroon's Far North region over the weekend to escape clashes in north-east Nigeria between regional military forces and insurgents.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook