A- A A+

Il Belgio accusa la Germania: “dumping sociale” sfruttando gli immigrati romeni e bulgari

Il governo belga scrive alla Ue per chiedere un intervento per difendere le proprie imprese da questa concorrenza sleale.

Un’accusa di dumping sociale, direttamente sul tavolo della Commissione Ue. È quanto si profila per la Germania, accusata dal Belgio di sfruttare i lavoratori immigrati, principalmente romeni e bulgari, assunti da società fittizie e costretti a lavorare per 3-4 euro l’ora 10 ore al giorno, senza sicurezza sociale, in condizioni sanitarie disastrose. Con la conseguenza che le imprese belghe sono costrette a chiudere o a delocalizzare.
I ministri dell’Economia e del Lavoro Johan Vande Lanotte e Monica De Coninck, dopo una visita ad Hannover dove hanno discusso con le autorità tedesche della questione, hanno annunciato che scriveranno all’esecutivo Ue “per chiedere di mettere fine a queste pratiche”. “Non cerchiamo il confronto con un Paese ma si tratta qui di mettere fine a pratiche indegne”, hanno affermato i ministri, spiegando di aver deciso di denunciare la vicenda dopo essere stati messi al corrente che aziende belghe nel settore della macellazione hanno cominciato a chiudere, ristrutturare o delocalizzare proprio verso la Germania, non riuscendo più a far fronte alla concorrenza sleale dei suoi bassi costi.
“Aspettiamo di ricevere la lettera e vedere nel dettaglio le accuse”, ha risposto il portavoce del commissario Ue agli Affari sociali Lazslo Andor, che ha riconosciuto come in Germania ci siano “7,5 milioni di persone che svolgono mini-lavori il cui salario mensile arriva al massimo a 450 euro senza contributi né sicurezza sociale”. Non esiste, infatti, un salario minimo per queste categorie di lavori. E quindi, ha accusato il ministro Lanotte, “tutto è permesso perché non si infrange nessuna legge dal momento che non ce ne sono”.
(Red.)

Fonte: http://immigrazioneoggi.it/daily_news/notizia.php?id=005137 20.03.2013

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

AUSTRÁLIA ACUSADA DE IGNORAR ABUSOS A REFUGIADOS

COMPARTILHE

A Human Rights Watch e a Amnistia Internacional afirmam que o governo australiano tem uma política deliberada de ignorar abusos a requerentes de asilo.

Leia mais...

¿Los inmigrantes indocumentados pueden ejercer el derecho en EE.UU.?

COMPARTILHE

La Corte Suprema de California considerará este miércoles si un inmigrante indocumentado tiene derecho a obtener una licencia que le permita ejercer el derecho en el estado, en un nuevo caso que enfrenta al gobierno federal contra un estado en relación a la política inmigratoria.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook