A- A A+

"Io, profugo musulmano, tutte le notti sogno Papa Francesco"

Mamadou viene dal Mali e nelle sue notti incontra il Pontefice, che prega insieme a lui. Nei giorni scorsi, insieme ad altri richiedenti asilo, lo ha incontrato a Roma: “Mi ha detto che siamo tutti fratelli e sorelle, è stata una grande emozione”

FIRENZE – “Sono musulmano, ma sogno Papa Francesco tutte le notti, sogno che preghiamo insieme. E finalmente nei giorni scorsi ci siamo incontrati. E’ stata una grande emozione”. Mamadou ha 19 anni, ma sembra più grande. Viene dal Mali, dove “la situazione è troppo pericolosa”. Per questo è fuggito, attraverso il deserto, poi la Libia, la detenzione e la guerra. Poi il gommone verso l’Italia, dove è arrivato a giugno 2016. Oggi vive a Firenze, fa parte di un gruppo di studenti di lingua italiana della scuola di lingua ed intercultura per migranti ‘Inaltreparole’.

Mamadou è uno dei 16 ragazzi musulmani, tutti richiedenti asilo o rifugiati, partiti da Firenze per partecipare alla catechesi del mercoledì, come raccontato da Agensir. Quando ha incontrato il Pontefice, gli ha detto che lo sogna spesso. Il Papa ha risposto: “Prega per me, perché siamo tutti fratelli e sorelle”. Mamadou sogna il Papa perchè lo ammira, a lui è molto grato per le sue parole di apertura e solidarietà nei confronti dei migranti. Vede in lui un punto di riferimento culturale e spirituale, pensa a li nei momenti più difficili.

Mamadou è contento di andare a scuola. Impare l'italiano giorno dopo giorno. La scuola di italiano ‘Inaltreparole’ è nata a Firenze nel 2016 da un progetto condiviso fra Agata Smeralda Onlus, Istituto Comprensivo Giuseppe Verdi e Solidarietà Caritas Onlus. All'interno della scuola vengono sviluppati percorsi educativi per favorire la formazione personale e l’integrazione di richiedenti asilo e rifugiati e il dialogo interculturale con la comunità locale, in particolare con gli studenti delle scuole fiorentine. Sul territorio fiorentino è attiva la collaborazione con altre agenzie formative per la realizzazione di progetti locali e europei, per la formazione di docenti e volontari, per lo scambio di buone pratiche nell'ambito dell'insegnamento della lingua a migranti, dell'educazione degli adulti e dell'educazione interculturale.

La scuola accoglie circa 120 studenti all'anno, ospiti delle strutture Cas, Sprar e Minori non accompagnati gestite da associazioni impegnate sul territorio nell'accoglienza dei migranti, e collabora con il Centro Provinciale di Istruzione degli Adulti (CPIA) per la realizzazione di percorsi condivisi per la Licenza Media.

Fonte: www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/573089/Io-profugo-musulmano-tutte-le-notti-sogno-Papa-Francesco 13.04.2018

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

El informe de los olvidados

COMPARTILHE

La Organización Internacional para las Migraciones publica el segundo volumen de 'Fatal Journeys', una investigación anual que registra las muertes de las migraciones mundiales

Leia mais...

EUA voltam a receber refugiados e dificultam entrada de requerentes de asilo de 11 países

COMPARTILHE

Depois de quatro meses, Trump suspende medida que paralisou chegada de refugiados no país. Novo decreto dificulta, porém, a entrada de requerentes de asilo de onze nacionalidades.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook