A- A A+

"Aiutateci così": ecco i 5 consigli dei minori stranieri ai tutori volontari

"Aiutarci con i documenti, vedere dove viviamo, incontrarci per conoscere i nostri interessi, instaurare con noi un clima di fiducia, darci consigli per la scuola". Ecco cosa si aspettano dal tutore volontario i minori stranieri soli che frequentano i centri Civico Zero di Save the children a Roma, Milano, Torino

13 febbraio 2018

ROMA – Aiutarci a ottenere i documenti a cui abbiamo diritto ma che non sempre riusciamo ad avere. Venire a vedere il posto in cui viviamo e in che condizioni siamo accolti, mantenendo con noi un contatto costante per assicurarsi che le strutture siano adeguate. Incontrarci e conoscere i nostri interessi e le nostre passioni, così che possiamo continuare a seguirle anche in Italia. Instaurare con noi un clima di fiducia rispettando la nostra cultura, le nostre usanze, la nostra religione e facendoci conoscere le sue. Darci consigli per la scuola e guidarci nelle nostre scelte formative, aiutandoci nel passaggio alla maggiore età così che possiamo essere pronti e non ritrovarci da soli o per strada. Sono i 5 consigli per il tutore volontario che arrivano da 38 minori stranieri non accompagnati che hanno partecipato a gruppi di lavoro nei centri CivicoZero a Roma, Milano e Torino e hanno condiviso quali sono le loro aspettative rispetto alla figura prevista dalla legge 47/2017. I ragazzi coinvolti nei laboratori hanno tra i 14 e i 17 anni e arrivano da Eritrea, Gambia, Guinea, Egitto, Marocco, Mali, Bangladesh, Ghana e Senegal.

Fino all’entrata in vigore della legge 47 sulla protezione dei minori stranieri soli, i ragazzi coinvolti nei laboratori erano in tutela pubblica (affidati ai singoli Comuni in cui sono accolti) e molti hanno rivelato di non aver avuto mai contatti con il tutore. Per questo la loro grande aspettativa è che il tutore volontario possa diventare per loro un punto di riferimento. La parola “guida” è stata citata più volte dai partecipanti, insieme alla necessità di ricevere supporto e consigli sul proprio percorso individuale in Italia. I centri CivicoZero sono centri diurni a bassa soglia presenti a Roma, Milano, Torino e da poco anche a Catania, totalmente finanziati da Save the children, che danno supporto, orientamento e protezione a minori e neomaggiorenni stranieri. (lp)

Fonte: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/566220/Aiutateci-cosi-ecco-i-5-consigli-dei-minori-stranieri-ai-tutori-volontari 14.02.2018

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Escuelas de 3 estados niegan inscripción a hijos de migrantes

COMPARTILHE

 Por falta de difusión de las Normas de Control Escolar de la Secretaría de Educación Púbica (SEP), personal directivo de algunos planteles escolares en los estados obstaculizó, por falta de documentación, el acceso a la educación de niñas y niños en contextos migratorios durante este periodo de preinscripción escolar.

Leia mais...

Alunni stranieri. Carrozza: "Metà sono nati qui, sono davvero stranieri?"

COMPARTILHE

Il ministro dell’Istruzione: “Il tetto del 30% è un’indicazione generale che in casi particolari può non essere rispettata. Investiamo nella formazione degli insegnanti”. 

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook