A- A A+

Libia: rifugiati e migranti tenuti prigionieri dai trafficanti in condizioni drammatiche

Da più di una settimana, il personale dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) sta lavorando 24 ore su 24 per rispondere alle urgenti necessità di oltre 14.500 migranti e rifugiati che sono stati tenuti prigionieri dai trafficanti in diversi luoghi, tra cui fattorie, case e magazzini, all’interno e in prossimità della città costiera di Sabratha in Libia. I rifugiati e i migranti vengono portati in un hangar nella zona di Dahman a Sabratha, che dall’inizio della crisi funge da punto di raccolta; da lì vengono poi trasferiti dalle autorità ai centri di detenzione ufficiali dove le agenzie umanitarie forniscono assistenza salvavita.

Le autorità libiche stimano che altri 6.000 migranti e rifugiati siano ancora nelle mani dei trafficanti. Se il dato viene confermato, il numero totale di rifugiati e migranti a Sabratha salirebbe a 20.500, compresi coloro che si trovano nei centri di detenzione ufficiali.

Dall’inizio della crisi umanitaria, il personale dell’UNHCR è impegnato in loco per fornire assistenza di emergenza in tutte le località in cui sono trasferiti i rifugiati e i migranti e condurre valutazioni per determinarne i bisogni e le vulnerabilità. Ha inoltre inviato più di 15 camion carichi di materiali di prima necessità, compresi materassini, materassi, coperte, kit sanitari e giacche invernali. Gli obiettivi prioritari sono l’identificazione dei rifugiati e la continua attività a favore della loro liberazione. In alcune località, l’UNHCR ha distribuito tende che vengono utilizzate come ospedali improvvisati dove i medici prestano le cure necessarie.

Il personale dell’UNHCR che lavora in prima linea descrive una situazione sconcertante di sofferenza e abusi, tra le cui vittime ci sono anche donne incinte e neonati. Centinaia di persone sono state trovate senza vestiti o scarpe. Molti di loro hanno bisogno di cure mediche urgenti, altri riportano ferite causate da proiettili e altri segni visibili di abuso. I rifugiati e i migranti che sono stati tratti in salvo sono palesemente traumatizzati. La maggior parte riferisce di essere stata sottoposta a numerose violazioni dei diritti umani, tra cui violenza sessuale e di genere, lavoro forzato e sfruttamento sessuale.

Molti affermano di essere stati picchiati e costretti a lavorare per lunghe ore senza cibo e acqua e di essere stati tenuti in spazi ridotti, spesso senza servizi igienici o ventilazione. Quando sono state liberate, centinaia di persone ci hanno riferito che non mangiavano da giorni. Il personale dell’UNHCR ha individuato un numero allarmante di minori non accompagnati e separati, molti dei quali con meno di sei anni. Molti tra questi minori riferiscono di aver perduto i genitori durante il viaggio verso la Libia o nella caotica situazione che si è creata durante gli eventi delle ultime settimane.

Le autorità stanno lavorando a stretto contatto con l’UNHCR e con altri partner umanitari per rispondere alle crescenti esigenze. Ma la portata dell’emergenza ha sopraffatto le strutture e le risorse esistenti. I centri di permanenza e i punti di raccolta sono ormai al limite della loro capienza e non dispongono di servizi di base come cisterne d’acqua e strutture igienico-sanitarie. Molte persone, tra cui i bambini, sono costretti a dormire all’aperto.

La devastazione di Sabratha ribadisce ulteriormente la necessità di un’azione internazionale ed evidenzia l’alto prezzo che i rifugiati devono pagare per mettersi in salvo in assenza di percorsi legali sicuri. L’UNHCR continuerà a chiedere ai Paesi di reinsediamento e alla comunità internazionale di impegnarsi ad offrire altri posti per il reinsediamento e a cercare un modo per proteggere i rifugiati vulnerabili bisognosi di protezione internazionale.

Fonte: https://www.unhcr.it/news/aggiornamenti/libia-rifugiati-migranti-tenuti-prigionieri-dai-trafficanti-condizioni-drammatiche.html 20.10.2017

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Operación policial en Grecia contra red internacional de tráfico de mujeres dominicanas

COMPARTILHE

Diez personas fueron detenidas hoy en una amplia operación policial que tiene lugar en varias ciudades griegas contra una red internacional de tráfico de dominicanas, a las que se forzaba a prostituirse, con la colaboración de las autoridades españolas, estadounidenses y Europol.

Leia mais...

Business & Human Rights: Companies can use their Leverage to Protect Migrant Domestic Workers

COMPARTILHE

 In the countries of the Gulf Cooperation Council (GCC), domestic workers – nannies, housekeepers, drivers, chefs and gardeners – are largely excluded from labour law. A majority of domestic workers are migrant women from impoverished backgrounds and countries that do not have mechanisms in place to protect them at home or when they work abroad. 

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook