A- A A+

Centro Astalli: "Riformare sistema immigrazione e asilo in Italia"

Roma, 4 gennaio 2017 - Per il Centro Astalli la rivolta che e' scoppiata nella notte al centro di prima accoglienza di Cona in provincia di Venezia e la proposta di questi giorni di aprire i Cie in ogni citta' "sono segnali che destano grave preoccupazione". E "sono situazioni che riaffermano un'urgenza piu' volte sottolineata dal Centro Astalli: la necessita' di ripensare e riformare il sistema di immigrazione e asilo in Italia".

In particolare, per il Centro Astalli "va ribadito che e' ampiamente dimostrato che privilegiare l'uso di centri con numeri elevati di migranti non e' mai una buona soluzione". Infatti "la fase di emergenza deve durare pochissimo e va supportata da una buona organizzazione della rete di accoglienza per piccoli numeri, diffusa sul tutto il territorio nazionale, restituendo cosi' dignita' ai migranti accolti e agli operatori che li assistono". "E' fondamentale il coinvolgimento dei comuni", ha sottolineato Padre Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli, ricordando che "basterebbe ognuno accolga poche decine di migranti in maniera progettuale e inclusiva. Questa e' la strada da seguire per evitare situazioni di tensione e di ingovernabilita' di un fenomeno che viene raccontato sempre piu' spesso con toni allarmistici ed emergenziali, ma che di fatto i numeri ci mostrano essere assolutamente gestibile attraverso un'efficace programmazione".

Invece "in questi giorni si torna a parlare di Cie e di rimpatri come se una risposta securitaria fosse in grado da sola di affrontare un fenomeno complesso articolato come quello delle migrazioni". "Ci pare pericoloso e fuorviante - continua padre Ripamonti - tornare ad associare immigrazione a criminalita' in un clima esacerbato dalla minaccia terroristica. Piu' che di politiche volte a trovare soluzioni costruttive sul lungo periodo si propongono misure apparentemente piu' di impatto nell'immediatezza nel tentativo di tranquillizzare l'opinione pubblica".

Il presidente del Centro Astalli ricorda infatti che la legge Bossi Fini, attualmente in vigore, ha 15 anni di vita e "fu scritta in un momento in cui le migrazioni in Italia erano profondamente diverse da quelle attuali". Quindi - conclude padre Ripamonti - "guardare al passato senza l'urgenza di una rilettura e di un radicale rinnovamento delle politiche migratorie nazionali non puo' portare ad alcun progresso".

Fonte: stranieriinitalia - 04.01.2017

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Dominicanos discriminados por su ascendencia haitiana

COMPARTILHE

“Siempre me he sentido dominicana. Reconozco y respeto mis raíces haitianas. Amo mi país y amo mis orígenes. Nunca me sentí fuera de la sociedad. Hasta este día, no me había sentido tan humillada.”

Leia mais...

Migrações: Governo elogia ação da Igreja

COMPARTILHE

O Governo português distinguiu esta terça-feira a Obra Católica Portuguesa das Migrações (OCPM), no seu 50.º aniversário, elogiando a “forma exemplar” como a Igreja tem apoiado as comunidades lusas no exterior e os imigrantes que vieram para Portugal.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook