A- A A+

L’aumento di richieste di asilo in America Centrale richiede urgenti azioni

Il numero di persone che fuggono dalla violenza in America Centrale è arrivato a livelli che non si vedevano da quando la regione è stata devastata dai conflitti armati negli anni ‘80. C’è bisogno di agire con urgenza per garantire che i minori non accompagnati ed altri richiedenti asilo e persone vulnerabili ricevano la protezione di cui hanno diritto.

Solo lo scorso anno, hanno presentato richiesta di asilo in Messico 3.423 persone, la maggior parte delle quali provenienti da El Salvador a dall’Honduras. Questo ha rappresentato un aumento del 164% rispetto al 2013 e del 65% rispetto al 2014. Le richieste di asilo da parte di salvadoregni si sono quadruplicate in questo periodo. Il Messico al momento ospita 3.448 rifugiati, la maggior parte dei quali provenienti dall’America Centrale.

Anche in altre parti della regione il numero di richieste di asilo da parte di persone che fuggono dalle violenze nel El Salvador, nel Guatemala e nell’Honduras – il cosiddetto “Triangolo del Nord”– è aumentato drammaticamente. La Costa Rica, per esempio, ha registrato 2.203 richieste di asilo nel 2015, soprattutto da parte di persone provenienti da El Salvador – un aumento del 176% rispetto al 2013 e del 16% rispetto al 2014. La Costa Rica ospita oggi 3.616 rifugiati.

Nel Belize, dove la popolazione conta meno di 400.000 persone, 633 sono state le richieste di asilo nel 2015, un numero dieci volte maggiore rispetto al 2014. Anche altri paesi nella regione, in particolare il Nicaragua e il Panama, stanno assistendo ad una simile impennata delle richieste di asilo da parte di persone in fuga dai pesi del “Triangolo del Nord”.

Come negli anni precedenti, i dati preliminari per il 2015 mostrano che gli Stati Uniti rimangono il principale paese in cui vengono presentate le richieste di asilo delle persone in fuga dal “Triangolo del Nord,” un dato che rappresenterebbe un aumento di oltre il 250% di richieste rispetto al 2013 e il doppio rispetto al 2014.

Secondo l’UNHCR la situazione attuale in America Centrale è una crisi di protezione. Siamo particolarmente preoccupati dall’aumento del numero di minori non accompagnati e di donne in fuga, che sono vittime di omicidi, arruolamenti forzati in gang criminali, violenza sessuale e di genere.

La violenza su grande scala e le persecuzioni ad opera di attori criminali armati sono diventate, insieme alla povertà e alla disoccupazione nella regione, i fattori determinanti dei flussi di rifugiati e migranti provenienti dal “Triangolo del Nord”. Basti considerare, ad esempio, che il El Salvador è il  paese con il tasso più alto di omicidi al mondo.

La crisi in America Centrale richiede urgentemente un rafforzamento delle misure di protezione e un approccio regionale di condivisione delle responsabilità di fronte alla crescente crisi. L’UNHCR sta lavorando insieme ai governi della regione e ai partner della società civile per migliorare le operazioni di identificazione e registrazione delle persone che fuggono dalla violenza e dalle persecuzioni nel “Triangolo Nord”. E’ necessario, inoltre, che le procedure di determinazione del superiore interesse del minore siano implementate efficacemente anche al fine di assistere i minori nella decisione circa la loro richiesta asilo, affinché non siano costretti a ricadere nel rischio di persecuzione. Gli sforzi governativi richiedono ulteriori risorse umane e finanziarie, oltre al tempestivo sviluppo di infrastrutture adeguate per garantire la protezione effettiva dei minori richiedenti asilo e rifugiati.

Stiamo anche lavorando nel rafforzare le capacità di accoglienza, che includono una maggiore assistenza per i richiedenti asilo, e posti aggiuntivi nei centri di accoglienza per migranti della società civile affinché possano ospitare anche richiedenti asilo. L’UNHCR fa appello ai governi affinché introducano vie legali per i rifugiati, così che non siano costretti a continuare a dipendere dai trafficanti, esponendosi ad abusi e sfruttamento.

Fonte: http://www.unhcr.it/news/laumento-di-richieste-di-asilo-in-america-centrale-richiede-urgenti-azioni 06.03.2016

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Out of sight, out of mind: excising Australia from the migration zone

COMPARTILHE

The twists and turns of Australian immigration policy grew even more complicated yesterday with the passage of legislation in parliament to excise the mainland of Australia from the “migration zone”.
Leia mais...

Identificação de migrantes mortos no Mediterrâneo gera desafio na Itália

COMPARTILHE

 Equipe usa cicatrizes, tatuagens e fotos nos bolsos das vítimas como pistas. Contrabandistas não tem listas de passageiros e parentes têm medo.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook