A- A A+

Germania: il Governo apre agli immigrati provenienti dall’Europa mediterranea

Merkel “il nostro obiettivo deve essere una maggiore apertura nei confronti di chi arriva da altri Paesi”.

Accogliere quote maggiori di immigrati provenienti dai Paesi dell’Europa mediterranea per contribuire alla coesione europea e aiutare la crescita del Paese.

È quanto si propone il ministro tedesco dell’Interno, Hans-Peter Friedrich, intervenuto ieri a Berlino al secondo vertice federale sulla demografia, cui ha partecipato anche la cancelliera Angela Merkel.
Per il ministro sul fronte del lavoro innanzitutto occorre che la Germania sfrutti in pieno il proprio potenziale, con una migliore formazione della forza lavoro locale. Ma poi l’economia tedesca si deve rivolgere all’Europa del sud, dove la disoccupazione giovanile è alta. Solo successivamente Berlino deve guardare verso Paesi al di fuori dell’eurozona.
La cancelliera Merkel nel suo intervento ha ricordato come occorra “fare di più per aumentare la mobilità in Europa”. Riferendosi solo implicitamente alla crisi economica, Merkel ha sottolineato che per ripartire bisogna “sviluppare la mobilità” nel mercato interno, puntando al modello statunitense, caratterizzato dalla “piena mobilità”.
Cosa può fare la Germania, Paese che ’soffre’ un invecchiamento medio progressivo della popolazione e ha bisogno di nuova forza lavoro? Per Merkel “il nostro obiettivo deve essere una maggiore apertura nei confronti di chi arriva da altri Paesi”.
“L’Ocse ha verificato che i presupposti per l’immigrazione in Germania sono molto buoni – ha aggiunto la Cancelliera introducendo un punto critico – ma la nostra capacità di richiamo è molto negativa: appariamo chiusi”.
(Red.)

Fonte: http://immigrazioneoggi.it/daily_news/notizia.php?id=005319 15.05.2013

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

100,000 fearful civilians trapped in South Sudan town

COMPARTILHE

 Civilians seeking safety from raids flee to Yei, joining tens of thousands there with no means to leave as military operations continue.

Leia mais...

Israel admite uso de contraceptivos em imigrantes judeus da Etiópia

COMPARTILHE

No início de dezembro, uma edição do programa Vácuo, transmitido pelo canal estatal israelense IETV provocou choque em Israel. Segundo a denúncia, diversas mulheres etíopes de origem judaica teriam sido submetidas, à revelia, a tratamentos contraceptivos que serviriam como pré-requisito para entrar no país. Inicialmente, o governo negou conhecimento ou incentivo à prática de forma veemente. Neste domingo 27, no entanto, o jornal Haaretz revelou que, pela primeira vez, um membro do governo israelense admitiu a possibilidade de que essas mulheres tenham passado pelo tratamento sem consentimento.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook